Terra bruciata

Sará stato si e no il 1994 o il 1995 quando é nato questo pezzo, praticamente l’altro ieri. E alla fin dei conti noi, in mezzo alle nostre montagne crucconiche con il nostro caro Kaiser Luis che ancora oggi regna incontrastato in questa piccola monarchia piazzata in mezzo alle Alpi, non possiamo certo lamentarci. Ma forse e dico forse i nostri piccoli esperimenti con i funghetti a quei tempi ci hanno dato un certo senso di appartenenza alla natura come esseri viventi. Dico esseri viventi ma non voglio assolutamente offendere gli animali gli insetti e ogni altro essere monocellulare paragonandolo a quella feccia chiamata uomo.
Fatto sta che una sera arriva Corrado in sala prove annunciandoci di aver scritto un nuovo testo.
Festa!!! Era un bel po’ che non scriveva. Non che Paolo ed io eravamo delle schegge ma vabbé, sorvoliamo sti piccoli dettagli.
Ci mettemmo a suonicchiare un pochino dopo il nostro solito riscaldamento.
Devo dire che rimasi senza fiato dopo aver sentito per la prima volta “Terra bruciata” col testo, tra me e me pensai “Ma quanto cazzo ci hai azzeccato con le parole stavolta?!?!”. Ancora oggi riascoltandola penso “Quanto cazzo ci azzeccherai ancora dopo anni ed anni???”
Infatti i nostri signori vogliono costruire 20=VENTI centrali nucleari in terra italica(ormai bruciata) non rispondendo a poche domande:
1. L’uranio lo sapete quanto costa?(non ricordo ci siano miniere di Uranio in Italia)
2. Lo sapete quanto cazzo di acqua ci vuole per rafreddare un reattore nucleare?(non so perché ma non é che abbiamo proprio acqua da vendere altrimenti l’energia la potremmo ricavare dalle centrali idroelettriche)
3. Il plutonio generato dalle reazioni nucleari dove cazzo lo buttiamo?(non ricordo che il nostro paese sia dotato di miniere saline a km di profonditá.. ah giusto, possiamo sempre affondare qualche nave nel golfo Ionico)
Nessuno ha voglia di rispondere a queste semplici domande? Allora fatevi un viaggietto a Pripyat..

E con un cordiale calcio sulle gengive vi invito ad ascoltare e leggere:

Terra bruciata


alita il vento del progresso
grigio e avvelenante
colate di cemento
per reattori e ciminiere
foreste tropicali intrise di diserbante
vaste distese velate di grigiore

arriverá il momento in cui la terra rifiuterá
tutte le torture inflittele dall’umanitá
gelo e calore grandi calamitá
si abbatteranno su di un uomo prepotente e incosciente
la terza guerra é gia scoppiata ormai
tra uomo e natura
porterá alla soluzione finale
la scomparsa di chi non s’é saputo adattare
ed il silenzio sulla terra bruciata nuovamente regnerá!!!!!

terre bruciate per far’ spazio a nuove autostrade
nell’aria che si respira c’é la polvere di torri di cenere
che sembra siano infinite
genocidi in nome dell’oro nero!
e intanto passano gli anni e sembra che
nessuno voglia accorgersi di com’é vecchio e malato
ormai questo nostro pianeta
sempre piú soffocato, aggredito e sfiorito
siamo nelle nostre mani!

arriverá il momento in cui la terra rifiuterá
tutte le torture inflittele dall’umanitá
gelo e calore grandi calamitá
si abbatteranno su di un uomo prepotente e incosciente
la terza guerra é gia scoppiata ormai
tra uomo e natura
porterá alla soluzione finale
la scomparsa di chi non s’é saputo adattare
e dalla terra bruciata nuova vita come prima nascerá!!!!!!!!

Posted: Friday, March 5th, 2010 @ 21:18
Categories: Pezzi e testi.
Tags: , , , , .
Subscribe to the comments feed if you like. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close